Nel mirino di un’indagine condotta da un pool di scienziati in Gran Bretagna, ci sono l’olio di semi di girasole e l’olio di mais: la cottura in questi olii rilascia sostanze cancerogene, ovvero elementi chimici chiamati aldeidi che provocano patologie molto gravi come tumori, disturbi cardiologici e demenza.

Ad esempio, carne e pesce fritti in questi olii vegetali contengono aldeidi tossiche per quantità cento o duecento volte superiori rispetto ai limiti posti dall’Organizzazione mondiale della Sanità. Piuttosto, è meglio friggere in burro, lardo od olio di oliva. L’olio di cocco, per contro, è quello che produce meno aldeidi.

Per decenni ci è stato detto che burro e lardo facevano male, ma il realtà sono una delle soluzioni migliori; ci è stato detto che i grassi polinsaturi erano salutari e che per questa ragione si doveva friggere nell’olio di semi di girasole e nell’olio di mais. Peccato però che, scaldati, subiscano reazioni chimiche che producono elementi tossici.

SHARE